Bagnomaria da Laboratorio : guida all'acquisto

Pubblicato : 20/06/2022 17:37:03
Categorie : Strumenti per Laboratorio e Controllo Qualità

Bagnomaria da Laboratorio : guida all'acquisto

Che cos'è un bagnomaria da laboratorio?

Un bagnomaria da laboratorio, noto anche come bagno termostatico, è un contenitore riempito con acqua riscaldata che viene utilizzato per incubare i campioni a temperatura costante per lunghi periodi. Comunemente è usato durante l'incubazione nel lavoro di laboratorio microbiologico perché l'acqua può trattenere il calore costante, ma può anche consentire il verificarsi di reazioni chimiche una volta che l'acqua raggiunge una certa temperatura.

I bagnomaria vengono generalmente utilizzati quando la temperatura richiesta è inferiore o uguale a 100 °C. Per temperature più elevate, vengono utilizzati metodi alternativi come bagni d'olio, bagni di silicone o bagni di sabbia.

Come funziona un bagnomaria in laboratorio?

L'utente può controllare la temperatura dello strumento utilizzando un'interfaccia digitale o analogica. Una spia di solito indicherà che il bagnomaria sta funzionando e, una volta raggiunta la temperatura corretta, il bagnomaria si accenderà e si spegnerà per mantenere la temperatura costante.

bagnomaria da laboratorio com'è fatto

I nostri bagnomaria hanno un'impostazione di sicurezza che impedisce all'acqua di riscaldarsi a una temperatura più elevata e si chiama Temperatura limite per la protezione dei campioni. Lo strumento prevede di poter limitare la temperatura massima di lavoro per la protezione dei campioni da un’erronea impostazione della temperatura del ciclo di riscaldamento. 

Esempio di applicazione

Se la temperatura impostata per il ciclo di riscaldamento è di 100 °C e viene fissata una temperatura limite (tm) di
70°C, lo strumento tenterà di raggiungere la temperatura impostata durante l’impostazione dei parametri (100°C),
anche se superiore a quello limite impostata in questo sottomenù (tm). Quando si raggiungono i 70 °C lo strumento
va in allarme emettendo un segnale acustico intermittente (tacitabile premendo qualsiasi tasto) e l’elemento
riscaldante non viene più alimentato fino a che la temperatura non scende al di sotto di quello limite. Lo strumento tenterà sempre di raggiungere la temperatura impostata per il ciclo di riscaldamento e di conseguenza, fino a che essa sarà superiore a quello limite, il dispositivo andrà in allarme di sovratemperatura come indicato in precedenza.

Esistono anche altri tipi di bagnomaria laboratorio, come ad esempio i bagni termostatici con agitazione, detti anche bagni di Dubnoff, che vengono utilizzati per mescolare le sostanze e dispongono di controlli aggiuntivi che consentono agli utenti di controllare la velocità e la frequenza dei movimenti. Non devono contenere necessariamente acqua e possono essere utilizzati con fluidi alternativi come l'olio,  a seconda della temperatura e della viscosità richieste.

A cosa servono i bagnomaria di laboratorio

I bagnomaria sono utilizzati nei laboratori clinici, industriali, nelle strutture accademiche, nei laboratori di ricerca, nelle applicazioni ambientali, nella tecnologia alimentare e negli impianti di acque reflue.

Sono ampiamente utilizzati per molte applicazioni batteriologiche che richiedono l'incubazione, nonché test e procedure generali. Ciò avviene mediante il riscaldamento dei reagenti, la fusione dei substrati o l'incubazione delle colture cellulari. Inoltre, i bagni termostatici possono essere utilizzati per consentire il verificarsi di determinate reazioni chimiche ad alte temperature.

Gli usi specifici includono anche applicazioni di colture di tessuti, studi di reazioni enzimatiche, studi di osservazione della crescita, determinazioni di coliformi e analisi di fermentazione. I bagnomaria sono anche le fonti di calore preferite per il riscaldamento di sostanze chimiche infiammabili, perché non hanno una fiamma libera che impedisce l'accensione.

Fattori da considerare prima dell'acquisto

Ci sono molte cose da considerare quando si sceglie il giusto bagnomaria per il proprio laboratorio.

La prima considerazione è il tipo di interfaccia, in quanto i sistemi digitali forniscono una maggiore uniformità della temperatura e un controllo più adatto ai requisiti di temperatura costante. I sistemi analogici, tuttavia, offrono un controllo facile da usare e sono più adatti per applicazioni con setpoint fisso.

Il fattore successivo è il requisito di temperatura, poiché la maggior parte dei bagnomaria fornisce temperature comprese tra + 5°C e 99,9°C, con uniformità di temperatura di ± 0,2°C a 37°C. Possono anche offrire funzioni di pre-impostazione della temperatura, consentendo la selezione rapida dei punti di temperatura preimpostati e utilizzati più di frequente.

Anche la capacità del bagnomaria da laboratorio è importante, poiché la scelta della dimensione giusta per il bagno termostatico dipende dal volume e dalle dimensioni dei campioni con cui si lavora. I volumi variano in genere da 5 a 40 litri ed è meglio confrontare le dimensioni interne del serbatoio al momento di decidere.

VASCA INTERNA DI UN BAGNOMARIA DA LABORATORIO

Ulteriori considerazioni riguardano potenziali preoccupazioni relative ai contaminanti, che potrebbero richiedere una copertura del bagnomaria in grado di eliminare i problemi di condensazione e temperatura principale se il laboratorio fa funzionare il bagnomaria a temperature superiori a 60°C. Inoltre, potrebbero essere necessari dispositivi di sicurezza come indicatori di allarme o termostato secondario che disconnette automaticamente l'alimentazione se la temperatura diventa troppo alta o il livello del liquido scende troppo.

Altro punto importante è verificare se lo strumento prevede la possibilità per l’utente di impostare i valori di offset, ossia di calibrazione dei punti di temperatura, su tutta la rampa di temperature e su quella ambientale. Nei nostri modelli , sebbene modificabili dall’operatore, questi valori sono già impostati di fabbrica e perfettamente calibrati con strumenti di misura certificati e riferibili Accredia. Si consiglia dunque di non modificare questi valori se non strettamente necessario, solo se ad esempio  tramite controllo con termometro digitale certificato si rilevassero incongruenze tra la lettura dei valori di temperatura dello strumento e quelli rilevati dal termometro stesso.

Come posizionarli e installarli correttamente

  • Conservare il bagnomaria esclusivamente in ambienti chiusi e asciutti. 
  • La temperatura di conservazione consentita è da -10 °C a 60 °C, mentre l'umidità massima di conservazione consentita è 85% UR in assenza di condensa.
  • Piano di lavoro stabile con una superficie piana orizzontale, asciutta e pulita.
  • Spazi minimi di 20 cm intorno allo strumento.
  • Temperatura ambiente compresa tra 5 °C e 40 °C e umidità relativa non superioreall’85%.
  • Presa di alimentazione dotata di messa a terra.
  • Alimentazione 220-240 V - 50 Hz.

Se desideri saperne di più sugli strumenti per laboratorio di Sinergica Soluzioni o per richiedere informazioni sui prezzi dei nostri bagni termostatici, contattaci oggi stesso. Non vediamo l'ora di esserti di aiuto nella scelta.